Skip to main content

Ho incontrato Michele per la prima volta in una call su Zoom, e dopo aver avuto il suo contatto da un’amica abbiamo fissato un appuntamento. Stavamo organizzando l’evento TikTalks, e lui sarebbe dovuto essere il nostro coach ed esperto, per guidare i nostri ospiti ad un uso consapevole dei social. È stata per me la rivelazione di TikTalks. Dal primo secondo di quella chiamata la parola “empatia” è diventata la chiave del nostro rapporto. Sono rimasta sconvolta perché mi è sembrato di conoscerlo da tutta la vita. Michele ha un potere particolare, è più di un coach, di un esperto, ha il potere di inondare di positività e portare un senso di gratitudine verso tutto quello che ci circonda. Come team eravamo in un punto difficile e molto teso dell’organizzazione, la tensione cominciava ad accumularsi ed eravamo pieni di malumori. Personalmente non riuscivo a vedere la fine, ma Michele è riuscito a riequilibrare l’armonia dell’evento. Grazie alla sua disponibilità, gentilezza, preparazione e accoglienza mi ha fatto ritrovare la fiducia e la voglia di continuare con questo progetto. Ho messo a fuoco che il motivo per cui ho scelto di organizzare eventi è proprio per le persone. Incontrarle, conoscerle, fornire loro un’esperienza, uno stimolo, una sensazione o un’emozione. Quindi ad oggi dico, sono grata di avere la possibilità di scegliere cosa fare, cosa dire, e sono grata a quest’esperienza perché mi ha dato la possibilità di incontrare persone tanto diverse, quanto affini. Dovremmo ricordare (e mi impegnerò per ricordare) che la gratitudine non costa niente, e vale tanto.

Michela

Leave a Reply